“Biblioteca essenziale di parapsicologia e spiritismo”

 

Che cos’è la mente? Quali sono i suoi poteri e fin dove si estendono? È in grado di sopravvivere alla morte?
Sono queste alcune delle domande che da secoli gli uomini si pongono su quella parte invisibile ed incorporea, eppure così fondamentale, della propria identità. C’è chi parla di anima, o di spirito, e chi invece ritiene che tutto nasca e finisca con il cervello.

Alcuni fenomeni in particolare, che sembrano sfidare le nostre attuali conoscenze scientifiche e vengono perciò comunemente definiti “paranormali“, sono stati studiati nel corso del tempo come possibili indizi utili a gettare luce sugli intricati misteri della psiche: la telepatia, la chiaroveggenza, la precognizione, la psicocinesi, ma anche i poltergeist, le infestazioni spiritiche e le manifestazioni medianiche.

Fu a fine Ottocento, in particolare, che alcuni ricercatori coraggiosi, accettando tutti i rischi che ciò comportava, decisero di spingere l’indagine scientifica verso lidi tanto inesplorati, applicando all’occulto gli stessi strumenti conoscitivi normalmente utilizzati per qualsiasi altro fenomeno naturale. Nasceva così una nuova disciplina: si sarebbe chiamata prima ricerca psichica, poi parapsicologia, e avrebbe attirato polemiche e critiche feroci, ma avrebbe contribuito, più di ogni altra, a gettare i ponti per quella che, oggi più che mai, si sta profilando come una vera e propria rivoluzione del pensiero scientifico.

 

«Tutt'intorno ai fatti accertati e ordinati di ogni scienza aleggia un polverone di osservazioni eccezionali, di avvenimenti minuti e irregolari, di raro riscontro, che è sempre più semplice ignorare che affrontare. L'ideale di ogni scienza è un sistema di verità chiuso e completo. I fenomeni che non rientrano nel sistema sono quindi delle paradossali assurdità, e devono essere considerati falsi. Eppure, i fenomeni sono lì... e soltanto chi accetta di osservarli può far progredire la scienza»

- William James


Libri Pubblicati