FATE: UNA FEDE CELTICA

Inviato da:

IN USCITA IL 20 SETTEMBRE FATE: UNA FEDE CELTICA, LA CELEBRE OPERA DI W. Y. EVANS-WENTZ SULLA REALTÀ DEL “PICCOLO POPOLO”

 

ANTEPRIMA-COPERTINA-FATE_GOLEM-LIBRI_V2W. Y. Evans-Wentz, Fate: una fede celtica. Elfi, folletti, gnomi e coboldi nello studio più autorevole sulla realtà del Piccolo Popolo, Golem Libri 2016, pp. 247, con 5 ill. fuori testo.
€ 18,00
[ISBN 978-88-98776-09-2]

QUARTA DI COPERTINA
Nato da una ricerca sul campo svolta tra il 1907 e il 1910, questo libro è diventato ben presto un classico nel suo genere. L’autore ci conduce per mano nelle regioni incantate d’Irlanda, Scozia, Isola di Man, Galles, Cornovaglia e Bretagna, facendoci sedere accanto al fuoco con i suoi abitanti più autentici e facendoci narrare dalle loro labbra storie incredibili su spiriti, folletti e altre creature stupende. Partendo dalle testimonianze di uomini e donne entrati in contatto col misterioso “Piccolo Popolo”, Evans-Wentz delinea i contorni di quella che definisce Fede nelle Fate, una vera e propria religione popolare delle genti celtiche (e non solo), per poi spingersi a indagare le origini del mito e a interrogarsi, alle soglie della scienza, sulla reale natura degli esseri fatati. Una cavalcata tra leggende e superstizioni alla scoperta dell’antica sapienza esoterica celtica, un’opera fondamentale a cui attinse anche Tolkien e che spalanca una porta su dimensioni sconosciute, precluse allo sguardo dei più.

WEWWALTER YEELING EVANS-WENTZ (1878-1965)
Antropologo americano, profondo conoscitore del Buddhismo tibetano e della mitologia celtica. Influenzato da William James e W. B. Yeats, studiò dapprima alla Stanford University e poi al Jesus College di Oxford, dove conobbe T. E. Lawrence (Lawrence d’Arabia) che lo spronò a visitare l’Oriente. Viaggiò dunque in Egitto, Sri Lanka e, soprattutto, in India, dove incontrò Yogananda, Krishnamurti, Shunyata e altri maestri spirituali. A Darjeeling entrò in possesso di antichi testi religiosi tibetani, tra cui il manoscritto del Bardo Thodol, che tradusse con l’aiuto di Lama Kazi Dawa-Samdup e altri, pubblicandolo nel 1927 con il titolo di Libro Tibetano dei Morti. Da sempre interessato all’occulto e allo spiritualismo, fu membro devoto della Società Teosofica e in India incontrò Annie Besant. A lui si deve la traduzione di testi fondamentali come la Vita di Milarepa (1928), Lo Yoga Tibetano e le Dottrine Segrete (1935) e Il Libro Tibetano della Grande Liberazione (1967).

0
  Articoli correlati

Aggiungi un commento


− 4 = cinque