Cotton Mather (1663-1728)

cotton-mather-bio-golem-libriPastore della Old North Church di Boston, discendente di un’illustre schiera di teologi puritani e figura tra le più influenti della storia culturale e religiosa degli Stati Uniti d’America. Nelle sue oltre 450 opere (tra libri ed opuscoli), e in particolare nel monumentale Magnalia Christi Americana (1702), tracciò la storia ecclesiastica della Nuova Inghilterra, difese l’autonomia della colonia del Massachusetts contro la monarchia inglese, si interessò delle missioni tra gli Indiani e difese l’umanità e i diritti degli schiavi neri. Fu tra i pochi Americani ad essere eletto membro della Royal Society di Londra, e contribuì al dibattito scientifico dell’epoca promuovendo, insieme al padre Increase Mather, una coraggiosa campagna in difesa della nuova tecnica dell’inoculazione del vaiolo.

In occasione dei processi contro le streghe di Salem (1692) prese posizione in difesa dell’operato dei giudici, e con The Wonders of the Invisible World (1693), il famigerato trattato che avrebbe dato vita alla leggenda nera del Mather cacciatore di streghe, cercò di provare, contro le accuse che ormai da più parti piovevano (lo stesso Increase si era espresso in senso piuttosto critico) la legalità del procedimento.

Libri in preparazione